Difference between revisions of "Ciaccona di paradiso, e d'inferno (Anonymous)"

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search
(New work page)
 
m (Text replacement - "}} {{Published" to "}} {{Pub|1|")
 
(9 intermediate revisions by 5 users not shown)
Line 1: Line 1:
  
 
==Music files==
 
==Music files==
{{Legend}}
+
{{#Legend:}}
 
+
* {{CPDLno|29138}} [[Media:Anon_Ciaccona_Paradiso_a_3.pdf|{{pdf}}]] [[Media:Anon_Ciaccona_Paradiso_a_3_2006.mid|{{mid}}]]  
*{{NewWork|2013-05-16}} {{CPDLno|29138}} [{{filepath:Anon_Ciaccona_Paradiso_a_3.pdf}} {{pdf}}] [{{filepath:Anon_Ciaccona_Paradiso_a_3_2006.mid}} {{mid}}]  
 
 
{{Editor|Sabine Cassola|2013-05-16}}{{ScoreInfo|A4|3|105}}{{Copy|CPDL}}
 
{{Editor|Sabine Cassola|2013-05-16}}{{ScoreInfo|A4|3|105}}{{Copy|CPDL}}
 
:'''Edition notes:'''  
 
:'''Edition notes:'''  
Line 12: Line 11:
  
 
{{Voicing|3|SSB}}<br>
 
{{Voicing|3|SSB}}<br>
{{Genre|Secular|Other}}
+
{{Genre|Secular|Madrigals}}
 
{{Language|Italian}}
 
{{Language|Italian}}
'''Instruments:''' {{acap}}<br>
+
{{Instruments|A cappella}}
'''Published:'''  
+
{{Pub|1|| ''Canzonette Spirituali'', C.F. Rolla, Milano 1675, No. 5}}
  
 
'''Description:'''  
 
'''Description:'''  
  
'''External websites:'''  
+
'''External websites:'''
  
 
==Original text and translations==
 
==Original text and translations==
{{NoText}}
+
{{Text|Italian|
 +
O che bel star è star in Paradiso
 +
Dove si vive sempre in festi e riso
 +
Vedendosi di Dio svelat'il viso
 +
O che bel star è star in Paradiso.
 +
 
 +
Ohimè ch'orribil star giù nell'inferno
 +
Ove si viv'in piant'e foco eterno
 +
Senza veder mai Dio in sempiterno
 +
Ahi, ahi, ch'orribil star giu nell'inferno.
 +
 
 +
Là non vi regna giel, vent’o calore
 +
Ch'il temp'è temperato tutte l'hore
 +
Pioggia non v'è, tempesta ne baleno
 +
Ch'il ciel là sempre si vede sereno.
 +
 
 +
Il fuoco e'l ghiaccio là, o che stupore
 +
Le brine, le tempeste, e il somm'ardore
 +
Stann'in un loco tute l'interperie
 +
Si radunan laggiù, o che miserie.
 +
 
 +
Chi potrà mai narrar quell'armonia
 +
Che fan le voci con tal melodia
 +
Che ragiscon’ il cor’ sol’ a narrarle
 +
O che fia poi il colà su provarle.
 +
 
 +
Urli di bestie et orrendi mugiti
 +
Confuse stridade porci e rugiti
 +
Di leoni e di fiere d’ogni sorte
 +
Odon che li trafiggon più che morte.
 +
 
 +
Nettar, ambrosia, manna e ogni liquore
 +
Il gusto gode e in bocca è un tal sapore
 +
Misto di dolce brusco o piccadiglia
 +
Che satii e metti fame a maraviglia.
 +
 
 +
Han fame si cania e sete ardente
 +
Ch’il proprio corpo l’havran col dente
 +
Ne mai gocciola d’acqua gusteranno
 +
Ma sempre mai di sete arrabbiaranno.
 +
 
 +
Havrai insomma la quanto vorrai
 +
E quanto non vorrai no haverai
 +
E questo è quanto, o Musa, posso dire
 +
Pero fa pausa il canto e fin l'ardire.
  
 +
Quel ch'aborrisce qua la tutto havrai
 +
Quel te diletta e piace mai havrai
 +
E pieno d'ogni male tu sarai
 +
Disperato d'uscime mai, mai, mai!
 +
}}
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Renaissance music]]
 
[[Category:Renaissance music]]

Latest revision as of 00:58, 19 October 2019

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
File details.gif File details
Question.gif Help
  • CPDL #29138:     
Editor: Sabine Cassola (submitted 2013-05-16).   Score information: A4, 3 pages, 105 kB   Copyright: CPDL
Edition notes:

General Information

Title: Ciaccona di paradiso, e d'inferno
Composer: Anonymous

Number of voices: 3vv   Voicing: SSB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published:

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

O che bel star è star in Paradiso
Dove si vive sempre in festi e riso
Vedendosi di Dio svelat'il viso
O che bel star è star in Paradiso.

Ohimè ch'orribil star giù nell'inferno
Ove si viv'in piant'e foco eterno
Senza veder mai Dio in sempiterno
Ahi, ahi, ch'orribil star giu nell'inferno.

Là non vi regna giel, vent’o calore
Ch'il temp'è temperato tutte l'hore
Pioggia non v'è, tempesta ne baleno
Ch'il ciel là sempre si vede sereno.

Il fuoco e'l ghiaccio là, o che stupore
Le brine, le tempeste, e il somm'ardore
Stann'in un loco tute l'interperie
Si radunan laggiù, o che miserie.

Chi potrà mai narrar quell'armonia
Che fan le voci con tal melodia
Che ragiscon’ il cor’ sol’ a narrarle
O che fia poi il colà su provarle.

Urli di bestie et orrendi mugiti
Confuse stridade porci e rugiti
Di leoni e di fiere d’ogni sorte
Odon che li trafiggon più che morte.

Nettar, ambrosia, manna e ogni liquore
Il gusto gode e in bocca è un tal sapore
Misto di dolce brusco o piccadiglia
Che satii e metti fame a maraviglia.

Han fame si cania e sete ardente
Ch’il proprio corpo l’havran col dente
Ne mai gocciola d’acqua gusteranno
Ma sempre mai di sete arrabbiaranno.

Havrai insomma la quanto vorrai
E quanto non vorrai no haverai
E questo è quanto, o Musa, posso dire
Pero fa pausa il canto e fin l'ardire.

Quel ch'aborrisce qua la tutto havrai
Quel te diletta e piace mai havrai
E pieno d'ogni male tu sarai
Disperato d'uscime mai, mai, mai!